03 ottobre, 2014

Colloquio di selezione WEP! Consigli per affrontarlo al meglio;)

Ciao a tutti ragazzi! Scrivo il mio secondo post per raccontarmi del mio intenso pomeriggio a Milano per affrontare il colloquio di selezione. Ho intenzione di darvi chiare e serie indicazioni per darvi un'idea il più completa possibile.
Il mio colloquio è stato il 2 ottobre a Milano. 

Questa fa parte dell'email che mi hanno mandato

Non avete idea dell'ansia che avevo, sono arrivato lì, tutto agitato e mi hanno subito dato un fascicoletto da compilare. I genitori non possono restare vicino a voi, mia sorella non sapeva dove andare quindi è rimasta lì, ma mi hanno fatto sedere in un altro tavolo.
"Lasciate ogne speranza, voi ch' intrate"
In sto fascicolo ci sono alcune cose da completare, dati personali e familiari e solite robe burocratiche. Molto importante!: c'è un foglio dove dovrete esprimere delle preferenze sulla hfamily.
Nella prima parte troverete 300 aggettivi e dovrete crocettare quelli che, secondo voi, vi rispecchiano maggiormente. Non fate caso al fatto che ci saranno aggettivi come
 ýSessualmente attraente. Ahahah, in seguito vi ritroverete a dover scrivere tre semplici righe in terza persona. "Penso sia un ragazzo molto estroverso e determinato, particolarmente motivato e desideroso di fare nuove avventure, è impaziente ma chi non lo è?" è stato a grandi linee ciò che ho scritto io e la psicologa si è complimentata. Poi dovrete compilare il foglio con le fatidiche opzioni: PREFER-DO NOT MIND-PREFER NOT BUT I CAN ADAPT-PREFER NOT. Chiaramente il consiglio è di mettere la maggior parte delle opzioni in DO NOT MIND.


Le parole che la psicologa mi continuava a ripetere erano:
"Cerchiamo ragazzi molto motivati e con poche aspettative!".
Quindi rendete questa frase vostra filosofia di vita!  Le opzioni a grandi linee era le solite: vivere in una famiglia vegana/vegetariana, vivere con una single con figli adolescenti, vivere con una single con figli piccoli, condividere la stanza con un hbro o hsister, vivere in una famiglia con un altro exchange, vivere con una coppia con figli teenager, vivere con una coppia con figli piccoli, vivere in una famiglia di differente etnia, vivere con una famiglia di gay/lesbiche, ecc...  Io sinceramente ho messo TUTTE le opzioni con Do not mind perché non ho assolutamente nessuna preferenza né pregiudizio nei confronti di chiunque si renda disponibile per ospitarmi.

Ad ogni modo, conclusa questa breve mezz'ora a compilare il fascicolo mi hanno fatto subito andare al colloquio con la psicologa. Assolutamente moolto semplice. Poche domande e molto banali. Abbiamo letto la scheda genitori e mi ha fatto in particolare queste domande: "Perché ti mangi le unghie?; Sei un ragazzo ansioso?; Ti cucini da solo? Sapresti cucinare per la tua famiglia?; Sai gestirti i tuoi soldi?" per il resto mi ha fatto i complimenti perché mi ha visto molto motivato.
Cosa che penso sia comune in tutti noi exchange students!

After that, mi hanno fatto andare a fare il temuto  colloquio in lingua che si è poi dimostrato molto semplice. 
Vi chiederanno di fare lo spelling del vostro nome, di parlare di voi e di quello che vi piace, se avete degli hobby, cosa fate dopo scuola, perché proprio quel paese, se avete fatto altre esperienze all'estero, di parlare della vostra famiglia, del rapporto che avete con la vostra famiglia, vi diranno degli aggettivi e voi dovrete dire se corrispondono o meno alla vostra famiglia, che rapporto avete coi vostri fratelli/sorelle, se siete religiosi, se siete battezzati, se fumate, quale sarà la cosa più difficile da lasciare e perché, cosa vi mancherà di più, se vi piace la vostra città attuale, di chi è stata l'idea di partire, perché la Wep devrebbe accettare la vostra candidatura, cosa vi aspettate da quest'esperienza, cosa vi aspettate dalla scuola là, cosa credete che la hfamily si aspetti da voi e cosa secondo voi vi metterà più in difficoltà mentre siete là. Poi vi farà leggere il foglio con le preferenze della famiglia e niente, a me ha detto che andava molto bene. Quindi keep calm perché vi faranno sentire a vostro agio.

Dopo mezz'ora di colloquio sono tornato all'entrata e mi hanno fatto fare l'ELTiS test. (English Language Test for International Students). Mi hanno dato un piccolo Ipod dell'Apple quindi avevo la possibilità di riascoltarmi le listening anche venti volte quindi, a mio parere, facilitava molto il tutto. E' stato un esame particolarmente facile! Era diviso in LISTENING e READING. Tutto da fare a crocette scegliendo tra A, B e C. Ragazzi davvero andate in tutta calma e tranquillità perché è davvero molto facile. Non c'è motivo di agitarsi sul serio. Vi lascio qui una simulazione che è davvero simile all'esame vero:
ELTiS Pratice Test; Finito l'esame mi hanno dato il mio fantastico zainetto verde con scritto WEP-Born to travel. La signora mi ha detto che mi avrebbe fatto sapere in una settimana quindi sono ancora in dolce attesa... spero di esser stato preso perché in caso contrario cancellerei il blog, mi deprimerei e brucerei lo zaino, facendoci anche un rito voodoo attorno e intonando inni contro la Wep.

Ahahah ragazzi vi lascio al prossimo post, dove spero di darvi nuove notizie.


Stay tuned warriors! 
Bye


Posta un commento